QuizzaMi! Un vero TV Show per locali ed eventi. Molto piu' di un Quiz per locali!


Vai ai contenuti

UN PO' DI STORIA



Era una giornata afosa di agosto ... e correva l'anno 1993. Di internet nemmeno l'ombra e "cellulare" era ancora il nome che si dava alle camionette della polizia in circolazione.

Sul tavolo un libro di informatica, materia che avrebbe poi fatto parte da li a poco della mia vita universitaria, e una copia del corriere della sera sfogliato dal vento. Fui attratto da un titolo "La rivoluzione di Mike: Quizzy, la Tv Interattiva".

Lo lessi con tanta attenzione al punto che ancora oggi è un ricordo più che nitido... Quizzy era una tastierina senza fili che presentava dei pulsanti colorati sulla sua superficie. Grazie a Quizzy si poteva rispondere alle domande a risposta multipla (proposte da Mike Bongiorno in Tv) in tempo reale e standosene comodamente seduti sul divano o al bar sotto casa con gli amici. Tra le tante persone ad aver risposto giusto, veniva premiato il più veloce. Era il 1993.


Per uno come me, amante delle tecnologie e della creatività, fu un'idea straordinaria, anche se fin dal principio presentava delle "anomalie" tecniche piuttosto evidenti. Nelle telecomunicazioni, difatti, oltre al dispositivo trasmettitore (tastierina) deve anche esserci un dispositivo ricevitore, in grado di memorizzare e computare il dato inviato.

Ma la televisione non era un apparato ricevitore e comunque per la tecnologia di quei tempi non c'era modo di far sapere direttamente a Mike che io avevo premuto il tasto rosso della pulsantiera. Sentivo puzza di bruciato... e appena disponibile in edicola comprai ben due tastierine (all'oneroso costo di quasi quaranta mila lire ognuna...) che ancora oggi gelosamente custodisco (sarò uno dei pochi in Italia ad averne) per verificare che effettivamente funzionassero. La cosa incredibile è che se rispondevi giusto alle domande di Mike... realmente la tastiera te lo notificava!

Qual'era allora il segreto di Quizzy? In realtà nella sua "furbata" il Quizzy restava comunque geniale! In pratica tutte le risposte giuste (raggruppate in puntate di dodici domande) erano già memorizzate nella tastierina, per cui se la usavi il giorno X la tastierina sapeva che per rispondere giusto dovevi premere quella serie di tasti. Dall'altra parte, Mike non faceva altro che proporre le domande seguendo la scaletta di quel giorno affinchè le risposte coincidessero con la sequenza di quel giorno.

Quest'idea, (il cui creatore, Nicola Bovoli, classe 1945 e tra l'altro artefice di altri giochi come il bingo) sprofondò nel baratro dopo pochi mesi, in quanto per comunicare la propria sequenza bisognava usare un numero di telefono con numerazione 144 (li ricordate? erano costosissimi!) e pertanto ci fu una protesta per cui Quizzy nacque e morì nel giro di pochi mesi.

Ma l'idea restò viva dentro di me. Utilizzare, per comunicare, una tastiera senza fili. Ma in quegli anni gli unici dispositivi senza fili erano i telecomandi della tv... e quindi via l'idea nel cassetto, a data da destinarsi.
Arrivato a Milano con una laurea in tasca e anni di teatro, radio e animazione alle spalle, decido di occuparmi, oltre che del ruolo di responsabile It di una nota azienda italiana, anche di direzione artistica nei locali, in particolar modo mi occupavo dei grandi eventi. Sempre più aziende mi chiedevano alternative al cabaret, alla live band e tutto ciò che era il classico intrattenimento... considerato a volte troppo invadente e a volte troppo noioso.

Mi misi alla ricerca su internet. Volevo una novità... una rivoluzione. Trovai un gioco con pulsantiere, chiamai subito ma in un'ora di telefonata capii tutti i limiti e la sterilità del prodotto e dei proprietari di esso. Volevo di più di un semplice gioco, volevo uno show. Volevo un qualcosa per cui chi stava seduto davanti al pc non fosse un banale tecnico a cui era affidato il pulsante invio come la più banale presentazione powerpoint. Volevo creare la figura di un regista.

Contattai un'altra società e persi soldi, tempo e reputazione stando dietro al loro prodotto pieno di errori e di problemi tecnici infiniti. Ero stufo... perchè a rimetterci la faccia ero io.


Se ci fosse stato un prodotto valido e soprattutto reattivo alle idee ed alle necessità di mercato, di certo non mi sarebbe mai balenata l'idea di tirar su uno staff di ingegneri, programmatori, grafici e quant'altro. Il QuizzaMi NON è nato come alternativa, ma come esigenza, assoluta, di avere un prodotto valido e innovativo, in continua evoluzione.

Dovevo trovare un investitore e creare un team.

Grazie ad una persona straordinaria, Anna, il primo problema fu subito risolto. E grazie a lei, trovare le risorse giuste fu davvero immediato. Io mi occupai dello staff tecnico, lei di tutto lo staff amministrativo e dello staff autori. In pochi mesi, Vitaminas diventa un'azienda con tanti collaboratori straordinari per impegno e dedizione.

Volevamo una tastiera che non fosse nè grossa e pesante tanto da infiammare il tunnel carpale, nè minuscola da sembrare un telecomando per aprire il cancello di casa... una tastiera che non avesse tasti inutili e inutilizzati ma semplice e condivisibile tra i partecipanti, una tastiera che non avesse batterie da sostituire e il cui costo fosse a carico del cliente... una tastiera il cui raggio d'azione fosse incredibile, al punto di poter dimostrare di essere in grado di rispondere anche a 100 metri di distanza e in qualsiasi situazione logistica, anche su più livelli. Mi piacevano i tasti colorati della tastiera del Quizzy... e allora ne progettammo una ispirandoci a quella.. C'era da trovare il brand... volevamo ispirarci al Quizzy... ma allo stesso tempo creare una evocazione chiara...netta.. che definisse qualcosa che appartenesse all'utilizzatore finale... e allora... QuizzaMi!

Ma un'idea resta tale se non ci sono le persone a metterla in pratica. E allora chi ringraziare?

Senza dubbio i nostri primi clienti... Pino, Francesco, Tony, Marco ... ovvero coloro che sono passati al QuizzaMi quando ancora doveva praticamente nascere ... un "salto nel buio" fondato sulla fiducia e sulla convinzione che, il QuizzaMi, sarebbe stato migliore rispetto a quello che c'era sul mercato.

E ancora, grazie a tutti quelli che sono entrati successivamente nel nostro network solo con il passaparola...
Ed infine, grazie a tutti quelli che verranno... noi... non smetteremo mai di stupirvi!

Tony



Torna ai contenuti | Torna al menu